Termina all’Euroma il cammino dell’Under 16 maschile nel campionato di categoria. Un quarto posto finale che lascia molto amaro in bocca e che deve comunque far riflettere sul campionato dei giovani biancocelesti arrivati al momento decisivo con le batterie scariche.

Tutto come previsto nello spareggio del girone D con le prime classificate dei due gironi a strapazzare senza tanti problemi le seconde. A scendere in campo per prima sono proprio i padroni di casa della Tevere Eur che affrontano la Lazio. Il divario tra le due formazioni è netto anche se i biancocelesti non sfigurano e tengono bene il campo dando l’impressione di una squadra che sa cosa fare. Il 6 a 0 della Tevere Eur è però la logica conseguenza di una disparità tecnica e fisica fin troppo evidente. Dello stesso tenore la seconda sfida in cui il Potenza Picena domina i volenterosi pugliesi dell’Olimpia Torre Santa Susanna rifilando loro un netto 8 a 1.

Nella finale per il terzo e quarto posto, che vale l’accesso alle semifinali di categoria, i pugliesi si dimostrano più squadra e passano subito in vantaggio. I biancocelesti sembrano in difficoltà ma, al primo tiro in porta, pareggiano con Gregorio Catucci. Prima della fine del primo tempo è ancora la formazione pugliese a passare. Il secondo tempo parte male e l’Olimpia segna ancora la rete del 3 a 1. La Lazio attacca in maniera disordinata ma rischia di capitolare più volte e solo alcune prodezze di Leonardo Urso la tengono ancora in linea di galleggiamento. Gregorio Catucci accorcia le distanze ma l’Olimpia non molla di un centimetro e segna ancora. Il doppio vantaggio dura però l’attimo di un respiro perché Clayton Lanting segna la terza rete, accorcia le distanze e rende il finale di gara emozionante. La Lazio ha la palla del pareggio sul bastone di Francesco Rizzo ma la palla termina a lato. Nel minuto finale, poi, i biancocelesti conquistano due tiri corti che vengono letteralmente gettati al vento. L’Olimpia resiste e vince 4 a 3 conquistando la semifinale nazionale.

Alla Lazio resta il rammarico di non aver potuto giocare al meglio proprio la gara più importante. La formazione di Tomas Gonzalez è sembrata poco convinta e, a tratti, confusa. Anche la condizione fisica non ottimale ha contribuito a rendere ancora più difficile un’impresa alla portata dei ragazzi biancocelesti che si sono invece trovati di fronte una squadra in gran forma e molto concentrata sull’obiettivo. Ed il rigore fallito da Clayton quando il risultato era ancora sul 2 a 1, palla fuori, è la dimostrazione delle difficoltà incontrate dalla Lazio. Non resta che rimboccarsi le maniche e ripartire per affrontare al meglio la nuova stagione.

Max U.

Share This