Seconda sconfitta consecutiva per la Lazio che, sul campo della capolista Tevere Eur, perde di misura al termine di una gara comunque ben giocata tanto che resta una buona dose di rammarico per quello che poteva essere e non è stato.

Luca Angius sceglie di schierare Niccolò Anserini tra i pali mentre, in mezzo al campo, dispone la squadra titolare. La Lazio parte subito veloce e convinta mostrando trame di gioco che mettono in evidente difficoltà una compassata Tevere che, nel corso del primo tempo, proprio non riesce a prendere le distanze ad una Lazio aggressiva. Tant’è che sono i biancocelesti a passare in vantaggio grazie al ritorno al gol di Leonardo Guiducci bravo a ribadire in rete una corretta respinta del portiere avversario. Dopo aver trovato il vantaggio i biancocelesti continuano a spingere e creare azioni a ripetizione senza, tuttavia, riuscire a concretizzarle. E nasce proprio da qui il grande rimpianto della Lazio, incapace, pur avendone la possibilità, di chiudere definitivamente il discorso.

La Tevere Eur che rientra in campo nella ripresa è infatti ben diversa da quella vista nella prima metà di gara. I ragazzi di Chionna sono decisamente più motivati e concreti. In men che non si dica i gialloblù ribaltano la situazione grazie a tre tiri corti guadagnati con veloci contro piedi. Come se non bastasse la Lazio, come troppo spesso accade nei finali di gara, rimane con uomo in meno, giallo per Alessandro Bonimelli, per gli ultimi dieci minuti di gara e, malgrado ciò, e qui il rammarico aumenta, riesce comunque a proporsi in attacco con continuità. Il gol del definitivo 3 a 2 arriva però troppo tardi. Ad un minuto dalla fine è Gonzalo Castillo a realizzare su tiro corto la seconda rete della Lazio.

Contro le prime della classe, Amsicora e Tevere Eur, la Lazio non raccoglie punti. Era certamente prevedibile anche se, entrambe le gare, avrebbero potuto finire con un risultato diverso. Non c’è tempo, però, per recriminare più di tanto perché ora la Lazio ha un doppio turno casalingo, con Butterfly e Ferrini, da sfruttare al massimo per assicurarsi una salvezza tranquilla. Luca ed i suoi ragazzi stanno lavorando bene. È il momento di tornare al successo.

Max U.

Share This