Comincia con un entusiasmante pareggio il cammino della Lazio B nel torneo cadetto che, per i biancocelesti come per altre squadre, non porterà a promozioni e trofei. Si gioca per il puro gusto di divertirsi e di stare insieme con atleti della prima squadra, Under 16 e Master che, comunque, assicurano spettacolo e gare vere.

Contro il Potenza Picena, in una gara giocata per metà sotto un autentico diluvio, la Lazio, dopo un emozionante alternarsi di risultato, si è vista raggiungere a pochi secondi dallo scadere per un pareggio, 3 a 3, tutto sommato giusto.

A pochi minuti dal via la Lazio si trova già sotto. Pochi minuti per rimettersi a posto e Alessandro Cammarano, che con il capitano Kyle Lanting è l’unico atleta della prima squadra in campo, pareggia i conti. In campo c’è anche Luca Angius, allenatore della Lazio Élite, ed è lui che guida la squadra in tutte le azioni. Ma è ancora il Potenza Picena che passa in vantaggio allo scadere del primo tempo. Nessun problema per la Lazio determinata e reattiva. Al terzo minuto della ripresa è Ettore Spalletta a fare due a due con una deviazione ravvicinata. La gara prosegue piacevole e giocata intensamente dalle due formazioni. A cinque minuti dal termine Luca Angius, su tiro corto, porta avanti la Lazio. La vittoria sembra a un passo ma il Potenza Picena, proprio allo scadere, pareggia i conti con un tiro ravvicinato su cui Leonardo Urso non può far niente. I biancocelesti potrebbero anche riportarsi in vanesio ma il titolo di Paolo Vaccari, ultimo della partita, termina all’incrocio dei pali fissando il risultato finale sul tre a tre. Buona prova per la Lazio che dimostra grande forza ed intesa. È una squadra che si diverte e che fa divertire.

Max U.

Share This