Tutto è pronto per l’ultimo atto di un’intera stagione Indoor. Sabato 24 e Domenica 25 febbraio al Centro Sportivo Millevoi di Roma toccherà alle ragazze della categoria Under 14 scendere in campo per la finale Indoor, l’ultima in programma. Sul parquet del campo del Divino Amore si sfideranno le migliori sei squadre d’Italia. La Lazio, inserita nel gruppo B, dovrà vedersela con l’Hockey Club Savona e con il Cus Padova. A completare il quadro delle pretendenti al titolo, nel gruppo A, troviamo la Lorenzoni, l’HPF Valchisone e le siciliane del Rogos.

Le piemontesi del Lorenzoni, prime del proprio girone di qualificazione con sei gare vinte, 43 reti realizzate e appena 4 subite, sono le candidate al successo finale cosi come il Cus Padova che di gare ne ha giocate quattro, tutte vinte, con 31 reti all’attivo e 7 subite.

Il Savona arriva a queste finali dopo aver eliminato l’HF Genova 1980 e l’Argentia grazie a due successi ed un pareggio mentre la formazione del Valchisone si è qualificata seconda nel girone A dietro la corazzata Lorenzoni con due vittorie, due pareggi e due sconfitte, 14 gol fatti e 22 subiti. Due i successi con cui la Rogos ha eliminato il Don Bosco ed è approdata alla finale.

Quattro le gare della Lazio Hockey, tutte vinte, con cui le ragazze di Riccardo Braca sono arrivate a giocarsi la finale dopo aver eliminato Potenza Picena e AZ Team. Sedici le reti realizzate ed appena due quelle subite.

È una Lazio che si presenta ai nastri di partenza di questa finale con buone possibilità di far bene. La rosa a disposizione di Riccardo Braca è comunque solida, le ragazze giocano insieme da tempo e già si sono affermate a novembre dello scorso anno nel campionato su prato dove si sono classificate al terzo posto. È una squadra che non segna molto ma che subisce veramente poco grazie anche alla pluripremiata numero uno Margherita Paolillo. Il gruppo delle veterane, Elisa Burgio, Veronica Di Biagio, Lavinia Mazzia, Eleonora Scimè e Ludovica Sorrentino, è molto coeso e tecnicamente in gamba mentre le ultime arrivate, Benedetta Del Tavano, Greta Proietti ed Erika Sorrentino hanno dato quel pizzico in più di imprevedibilità che non guasta mai. E poi c’è Lara Kobelich, numero dieci sulle spalle non per caso, giocatrice minuta fisicamente ma gigantesca dal punto di vista tecnico e tattico. Una squadra compatta che ha già importanti trascorsi alle spalle ed un promettente futuro davanti.

Le biancocelesti faranno il loro esordio sabato alle 12:00 contro il Savona per poi giocare la seconda gara alle 17:00 contro il Cui Padova. Domenica in programma le semifinali alle 9:30 ed alle 10:45 e poi, dalle 12, le finali con quella per il titolo fissata alle 14:30.

Alle nostre ragazze va il nostro incessante incitamento e l’augurio di poter uscire a testa alta da questa ultima impegnativa prova.

Max U.

Share This