Con le finali femminili della prima squadra, impegnata in A1, e dell’Under 16 si sono aperte la serie di finali, per la categoria Indoor, che la Lazio Hockey è chiamata a sostenere. La prossima settimana, il 10 e 11 febbraio, scenderanno in campo la prima squadra maschile, che a Veroli cercherà la promozione in A1 e l’Under 16 maschile che a Castello d’Agogna giocherà le finali di categoria. A completare il quadro delle finali Indoor saranno le ragazze terribili dell’Under 14 femminile che il 24 e 25 giocheranno, sul proprio campo al Pala Millevoi, la loro finale.

Riepilogando, in una disciplina che per tradizione e storia proprio non appartiene alla Lazio Hockey, il sodalizio di Roberto Brocco piazza ben cinque squadre su sei nelle varie finali, cosa non da poco. Certo qualcuno potrebbe sostenere, ed in verità da qualche parte c’è anche capitato di leggerlo, che le rappresentative biancocelesti sono arrivate a queste finali giocando una o due partite o, come nel caso dell’Under 16 maschile, senza giocare affatto. La cosa ci tocca poco perché arrivare a confrontarsi con gli squadroni del nord, più avvezzi all’hockey al chiuso, giocando poche partite non è certamente un vantaggio anzi, tutt’altro. Ma l’impegno che gli atleti biancocelesti mettono in questi appuntamenti è indiscutibilmente grandissimo ed i risultati finali sono comunque più che soddisfacenti. C’è quindi da essere più che contenti di questa Lazio da palazzetti dello sport che, al centro sud, è una delle migliori società in quanto a preparazione e programmazione.

Certamente arriveranno tempi meno produttivi e più difficili da affrontare perché, purtroppo, l’hockey non è certamente uno sport molto conosciuto e che richiama moltitudini di giovani. Ogni società deve fare le cose da sé ed un po’ arrangiarsi al meglio. Ed in questo i dirigenti biancocelesti sono sicuramente tra i più bravi e creativi.

Max U.

Share This