Grinta da vendere, tecnica sopraffina, grande visione di gioco e straordinaria capacità di capire i vari momenti di una gara. Alessandra Rocchetti, classe 2002, capitano della Lazio si racconta alla vigilia di due importanti appuntamenti per la sezione femminile della Lazio Hockey: i Play-off della Serie A2 e le finali nazionali della categoria Under 21.

Cosa pensi della Lazio femminile? Punti di forza e debolezze.

Penso che siamo una bella squadra, ricca di personalità (anche troppa…) e sempre propositiva. Finalmente abbiamo trovato il nostro equilibrio dopo essere state purtroppo penalizzate da infortuni e cambiamenti non previsti. I punti di forza della squadra sono le mie compagne, toste dentro e fuori dal campo, la spensieratezza e il grande entusiasmo. La voglia di vincere e il nostro senso di appartenenza. I Punti deboli possono rivelarsi l’essere una squadra molto giovane e fisicamente leggera ma con grande grinta.

Che sensazioni hai per queste finali?

Ho sensazioni molto positive riguardo le finali sono veramente fiduciosa e spero che il nostro sacrificio e l’impegno che tutto lo staff ha messo in campo da inizio anno venga ripagato.

Alessandra Rocchetti

Quale squadra temi di più?

Arrivate in finale non c’è una squadra che temo più delle altre, rispettiamo tutte le avversarie ma puntiamo su di noi

Fino ad ora, sia con l’Under 21 che con la prima squadra, avete disputato gare abbastanza facili contro formazioni tecnicamente inferiori. Non temi che la squadra sia poco allenata ad affrontare partite contro formazioni più attrezzate?

Effettivamente la stagione regolare è volata via in un soffio. Purtroppo, a causa della pandemia squadre poco attrezzate si sono dovute ritirare quindi il nostro campionato si è ridimensionato di molto. Abbiamo cercato di compensare con allenamenti intensi e partitelle anche ruvide (ride ndr) con l’inserimento di ragazzi dell’U21 sempre disponibili. D’altronde noi siamo la Lazio …

E al Capitano e a tutta la squadra va il nostro più sentito “in bocca al lupo” per gli imminenti impegni.

Max U.

Share This