Finalmente si torna a giocare. A distanza di quasi quattro mesi le nostre ragazze tornano a cimentarsi su un campo da hockey in una gara che, seppur amichevole, ha consentito loro di riassaporare il gusto della competizione e di saggiare lo stato di preparazione dopo i faticosi allenamenti degli ultimi mesi. Di fronte un avversario di tutto rispetto, la San Saba, formazione romana che milita in Serie A1.

Ne è venuta fuori una gara divertente e giocata a buon ritmo, malgrado la preparazione delle due formazioni non sia ancora a livello campionato. La differenza di categoria si è notata soprattutto nella gestione delle situazioni e nell’aggressività sotto porta ma la sconfitta delle nostre ragazze per 2 a 0 dice che, tutto sommato, la Lazio è riuscita a tenere testa ad una formazione comunque più abituata a giocare ad alti livelli.

Non per niente le biancocelesti, per l’occasione in campo con la nuova divisa da gioco, sono scese in campo leggermente intimorite dalla partenza a razzo delle avversarie che, al sesto del primo tempo, passavano in vantaggio con un tiro ravvicinato della loro attaccante lasciata colpevolmente libera di battere a rete. Il gol subito scuoteva le nostre ragazze che cominciavano a macinare gioco. La grande occasione arrivava da un corto che Caterina Ladisi tirava fuori di un soffio a portiere spiazzato. La stessa Caterina, qualche minuto più tardi, si rendeva protagonista di una discesa sulla destra finalizzata da un tiro che finiva sul fondo.

Il secondo tempo proseguiva sui binari di un sostanziale equilibrio con le ragazze del San Saba più determinate a cercare la via della rete che puntualmente arrivava al decimo minuto grazie ad un tiro ravvicinato scagliato da un attaccante avversaria più lesta a ribattere a rete la respinta del nostro numero uno.

Terzo tempo più avvincente con continui capovolgimenti di fronte ed occasioni più nitide come quella che capitava a Cristina Pericoli che, da posizione defilata, tentava di sorprendere il portiere avversario con un tiro forte ed improvviso che si stampava sull’esterno della rete. Malgrado le azioni create dalle due formazioni il risultato però non cambiava.

Un 2 a 0 finale che, tutto sommato, rispecchia i valori espressi in campo anche se, forse, le nostre ragazze avrebbero meritato almeno la soddisfazione di un gol.

Ad ogni modo le indicazioni che un tranquillo e soddisfatto Giampiero Medda ha potuto cogliere sono abbastanza positive. La tenuta fisica sembra buona e la preparazione è chiaramente a buon punto. Ovviamente ci si aspetta qualche cosina in più sul piano del temperamento e della determinazione ma siamo sicuri che con l’arrivo delle prime gare ufficiali anche queste arriveranno.

M.U.

Share This